Cambiamento climatico e salute: chi sono i più vulnerabili? | Paola Michelozzi

Le bambine e i bambini sono tra i più vulnerabili | Paola Michelozzi

Paola Michelozzi che dirige la UOC di Epidemiologia ambientale e occupazionale, presso il Dipartimento Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale del Lazio – ASL Roma 1, abbiamo affrontato il tema delle popolazioni più vulnerabili agli effetti del cambiamento climatico. Tra queste le persone anziane, le donne in gravidanza e le bambine e i bambini molto piccoli. “A Roma abbiamo fatto uno studio che ha evidenziato un aumento dei parti pretermine nelle donne durante le ondate di calore, con effetti che potrebbero essere importanti per per la salute del feto e del bambino nelle fasi successive di vita". Cominciano a costruirsi delle evidenze sull'impatto sulla salute dei bambini molto piccoli delle elevate temperature, i bambini sono una popolazione che ha una maggiore suscettibilità dovuta allo sviluppo rapido di molti di molti organi e di molti sistemi, ma anche al fatto che i bambini dipendono dagli altri, quindi non sanno esprimere le proprie necessità e devono essere accuditi e questi li espone di più ai rischi legati al cambaimento climatico".