Proteggerci dall’inquinamento: le azioni

scuola a piedi

Proteggerci dall’inquinamento: le azioni

  • Post by:
  • 13 Marzo 2020
  • Comments off

Proteggersi dall’inquinamento sensibilizzando le famiglie e i bambini sui temi che riguardano l’ambiente e in particolare sull’importanza di un’aria più pulita è fondamentale. Ecco alcuni cambiamenti che, intrapresi a livello individuale, possono ridurre le esposizioni a livelli troppo elevati di inquinanti.

La qualità dell’aria è importante per un normale sviluppo neuro-cognitivo e dell’apparato polmonare dei bambini. Anche se la riduzione dell’inquinamento è affidata a decisioni collettive, dall’ambito del proprio contesto di vita a quello planetario (come nel caso dei cambiamenti climatici), è importante sensibilizzare le famiglie e i bambini sui temi che riguardano l’ambiente e in particolare sull’importanza di un’aria più pulita. Ecco alcuni accorgimenti o cambiamenti che intrapresi a livello individuale possono evitare le esposizioni a livelli troppo elevati di inquinanti.

  • Informatevi sui livelli di inquinamento nella vostra città è utile per pianificare le vostre attività. In particolare ponete attenzione ai livelli di PM10 e ozono estivo, consultando i siti delle Agenzie Regionali di Protezione Ambientale ed evitate di far uscire i bambini, in particolare se affetti da patologie respiratorie, nei giorni con livelli di inquinamento elevati.
  • Camminate di più con i vostri bambini, scegliendo orari e percorsi con minor traffico. Tutte le volte che volete fare un percorso a piedi, giocare in un parco o fare sport all’aria aperta, considerate sempre percorsi alternativi in zone meno inquinate ed evitate le attività all’aperto vicino a strade trafficate, soprattutto nelle ore di punta, e vicino alle aree industriali.
  • Scegliete per i vostri figli la scuola di quartiere in modo da abituare i bambini a spostarsi a piedi o in bicicletta ed evitate le scuole che si trovano vicino a strade a elevata percorrenza e industrie. Ecco due esempi virtuosi da ricercare anche nelle vostre città Massamarmocchi a Milano e Biketoschool, che ha una pagina Facebook attiva a Roma.
  • D’estate evitate attività all’aria aperta dalle 12 alle 16, quando i livelli di ozono sono molto elevati in particolare nei parchi, nelle aree periferiche ed extraurbane. Durante i mesi estivi i livelli di ozono aumentano nel corso della giornata con l’aumentare della temperatura. Come proteggersi?
    • Svegliarsi presto e approfittare delle ore mattutine quando i livelli di ozono sono più bassi, evitando le ore di maggior irraggiamento solare.
    • Assumere molta frutta e verdura, alimenti ricchi di antiossidanti.
    • In città, evitare le zone molto trafficate nelle ore di punta e, nei giorni molto caldi, evitare le aree verdi, dove si registrano le maggiori concentrazioni di ozono.
  • Durante l’inverno sono le concentrazioni di particolato nell’aria a guidare le scelte di salute. Con il freddo il particolato si condensa a formare goccioline di aerosol più facilmente inalabili: meglio dunque stare fuori casa nelle ore più calde.
  • bambini inalano anche le emissioni dell’automobile usata dalla propria famiglia. È importante sapere che le concentrazioni degli inquinanti allʼinterno dellʼauto sono maggiori di quelle presenti nell’aria esterna: chi usa i veicoli a motore respira una parte dei propri scarichi. Il comportamento più salubre ove possibile resta sempre quello di muoversi il più possibile a piedi.
Bibliografia
Giacomo Toffol, Laura Reali, Laura Todesco. Inquinamento e salute dei bambini. Cosa c’è da sapere, cosa c’è da fare. Roma: Il Pensiero Scientifico Editore 2017
Douglas MJ, Stephen J, Watkins SJ et al. Are cars the new tobacco? J Public Health 2011; 33: 160-9.
Istituto Superiore di Sanità. Rapporti ISTISAN 08/7. Caratterizzazione chimica e tossicologica delle emissioni da carburanti alternativi per il trasporto pubblico nelle aree urbane.
Saporiti R. Pm10, sono le caldaie le principali responsabili dell’inquinamento. Sole24Ore, Info Data, 21.12.2018
XIV Rapporto Qualità dell’ambiente urbano – Edizione 2018. ISPRA, 2019
WHO. Air pollution. Geneva: WHO, 2018
WHO. Ambient air pollution – a major threat to health and climate 
Children’s environmental health. Geneva: WHO, 2018
Urban Transport. Health in the green economy. Co-benefits to health of climate change mitigation. Geneva: WHO, 2011
Housing. Health in the green economy. Co-benefits to health of climate change mitigation. Geneva: WHO, 2011
La Valutazione Integrata dell’Impatto dell’Inquinamento atmosferico sull’Ambiente e sulla Salute in Italia (VIIAS). Executive Summary Roma, 04.06.2015
Piano Nazionale di Prevenzione degli effetti del caldo sulla salute. Linee di indirizzo per la prevenzione di Ondate di calore e inquinamento atmosferico Luglio 2019
PM10 – Particolato atmosferico o polveri sottiliISSalute, 28.02.2018